Crea sito

A teatro al giusto prezzo con biglietto dinamico

Share

A teatro al giusto prezzo. Il Massimo di Cagliari gestito da Sardegna Teatro sposa la formula del biglietto dinamico. Una innovazione al botteghino che, grazie ad una tecnologia messa a punto dalla società Dynamitick, prevede costi dei biglietti ricalcolati in base ad una serie di fattori: tempi di acquisto, quantità di biglietti già venduti, giorno e orario, notorietà degli artisti e perfino condizioni meteo.

Sarà attivo a Cagliari a partire dagli spettacoli Macbettu di Alessandro Serra, il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo, Premio Ubu 2017 come miglior Spettacolo dell’anno, in cartellone dal 22 al 30 giugno, e Bilal, da “Bilal-Viaggiare, lavorare, morire da clandestini” di Fabrizio Gatti, spettacolo di Annalisa Bianco con Leonardo Capuano in scena il 23 e 24 giugno. Per entrambi sono già partite le prevendite. Non più ingresso a prezzo fisso, dunque, ma il costo dei ticket sarà calcolato in base a una serie di fattori. Influiscono anche i premi ottenuti da compagnie e artisti, le opinioni espresse sui social e le condivisioni. I prezzi vengono ricalcolati due volte alla settimana, il martedì e il venerdì, prima dell’apertura delle biglietterie e variano tra 7 e 12 euro (da 5 a 10 per il ridotto). I biglietti si possono acquistare online su vivaticket o al botteghino.

Leggi anche: La cialtroneria del teatro italiano 

 

 

 

 

Sardegna Teatro è la prima nell’Isola ad affidarsi a questo evoluto modello di vendita nel ticketing, la terza in Italia dopo il Filodrammatici di Milano e i Teatri di Bari.

 L’innovazione è già largamente diffusa nel mondo dell’intrattenimento e nell’ultimo anno si è consolidata anche nel panorama teatrale. “Crediamo fortemente in questa piccola rivoluzione che introduce l’intelligenza artificiale in un settore storicamente tradizionale come quello della biglietteria teatrale – sottolinea Paola Masala, responsabile comunicazione e marketing di Sardegna Teatro – siamo convinti che questo metodo innovativo unito a una politica dei prezzi bassi possa produrre benefici sul pubblico fidelizzato e ottenere ottimi riscontri sul pubblico del futuro, i cosiddetti ‘nativi digitali’ i cui interessi sono rivolti alle nuove tecnologie”.

La notorietà degli artisti spinge il prezzo in alto o in basso? Se la forbice è fissa tra i 7 e i 12 euro si presume che il pubblico sia disposto a pagare il massimo del prezzo fissato per un’artista noto e apprezzato sperando che quel giorno non piova ne faccia troppo freddo altrimenti dovrà necessariamente scendere al minimo. Chi vorrebbe uscire di casa con un tempaccio simile? Dai, ti faccio risparmiare qualche euro, prendi cappotto e ombrello e vieni in teatro. Un evoluto modello di vendita nel ticketing.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.