Crea sito

Amministrazione trasparente

Share

Teatro Vittorio Emanuele di Messina

La sezione Amministrazione Trasparente punta a offrire al cittadino la piena trasparenza dell’azione amministrativa di un Ente Pubblico con la conseguente facile reperibilità delle informazioni in esso contenute. E’ o vorrebbe essere una forma di tutela  di un diritto. Il cittadino che sa esattamente quello che succede nella pubblica amministrazione può in qualche modo controllare le attività delle istituzioni e l’utilizzo delle risorse pubbliche. Con assoluta trasparenza, dunque, chiedo a chiunque voglia lavorare con me di farlo gratis. Il teatro Vittorio Emanuele di Messina emana un “Avviso Pubblico Manifestazione di interesse a Titolo Gratuito per Direttore Artistico sezione Musica, Direttore Artistico sezione Prosa, Esperto sezione Danza ed Esperto sezione Arti Visive”. La scadenza è prossima, affrettarsi. A questo link è disponibile il bando.

Avviso pubblico

Non è ben chiara la frase “Manifestazione di interesse” al contrario del “Titolo Gratuito” su cui credo non ci possono essere dubbi.

In ogni caso, la domanda è sempre la stessa: perché? Si dice di un amatore, quando ha una particolare inclinazione, un peculiare trasporto verso un determinato oggetto. E’ un appassionato, un ricercatore, un collezionista di opere d’arte, cimeli, libri antichi per esempio. In ambito teatrale “amatorialità” ha un suono molto simile al “gratis”. Non sempre però. Come quando in un brano musicale due o tre strumenti sono messi insieme alla meglio e oltretutto suonano malissimo. La musica non ha una struttura chiara e solida con melodie che entrano armoniosamente nella situazione. Un arpeggio precostituito, usato e lasciato andare alla “cacchio” insomma, senza alcuna attinenza al contesto. Forse, l’intenzione è voler rendere il lavoro sempre più “amatoriale”, con delle competenze certo, ma pur sempre amatoriale. 

E’ realmente così o c’è dell’altro? Un’altra semplice verità, velata, non espressamente dichiarata. L’introduzione ufficiale del lavoro servile (qui come in altri settori lavorativi), cui molto rapidamente dovremmo adeguarci tutti, italiani e “migranti” compresi. La questione dei voucher (altro esempio), cioè “buoni di consumo” al posto del denaro come stipendio, s’inserisce perfettamente in tale quadro. Non era chiaro fin dall’inizio che sarebbe stato questo l’unico sbocco possibile? No? Vedremo.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Teatro Vittorio Emanuele di Messina

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.