Crea sito

Caschi blu della cultura

Share

Saranno formati anche a Torino i futuri caschi blu della cultura

Firmato il Protocollo d’Intesa che istituisce il Centro Unesco Itrech

Saranno formati anche a Torino i futuri caschi blu della cultura. È stato firmato il Protocollo d’Intesa che istituisce il Centro Unesco Itrech (International Training and Research Center of Economies of Culture and World Heritage) dal sindaco Piero Fassino, dal Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e dal Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, alla presenza del Direttore Generale dell’Unesco Irene Bokova.

FassinoAvrà il compito di assistere l’Unesco nell’attuazione della sua agenda ma anche e soprattutto di organizzare corsi di formazione e attività di ricerca in difesa del patrimonio culturale. Il centro sarà sotto l’egida dell’Unesco e sarà finanziato dal governo italiano attraverso la città di Torino. Il governo, in base al protocollo d’intesa, dovrà fornire gli spazi per ospitare il centro così come gli strumenti necessari per lo svolgimento delle attività. L’Unesco fornirà invece un’assistenza tecnica attraverso esperti del settore culturale e con programmi di scambio.

La scelta della sede è dovuta alla «consolidata e riconosciuta esperienza formativa e di ricerca nell’ambito del patrimonio culturale che già si svolge a Torino da più di un decennio grazie alla collaborazione tra soggetti locali e Nazioni Unite». Sarà ospitato nei locali del Campus delle Nazioni Unite, sulle rive del Po e avrà come soci fondatori – oltre al Comune e ai ministeri -l’Università degli Studi, il Politecnico, l’ILO/OIT, il Consorzio Venaria Reale e il Centro Studi Santagata che da tempo collabora con Unesco.

«La nascita del Centro Unesco – ha sottolineato il sindaco Fassino – è un autorevole riconoscimento al forte profilo di città di cultura che Torino è venuta assumendo in questi anni, peraltro già sottolineato dal conferimento alle Residenze Sabaude del titolo di Patrimonio Unesco e dal titolo di Città del Design conferito dall’Unesco a Torino. La costituzione del Centro rappresenta inoltre un ulteriore arricchimento della presenza del sistema ONU, conferendo alla nostra Città una dimensione internazionale sempre più marcata». L’impegno è del sindaco è chiaro: « opereremo da subito, insieme a Università e Politecnico, per far decollare il Centro nel migliore dei modi».

FLAVIA AMABILE

da “La Stampa” del 16/02/2016

(C’è tempo per commentare questa notizia)

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.