Crea sito

Charlie Chaplin imita se stesso

Share

Chaplin era al culmine della sua fama, quando un giorno, venne a sapere che a Los Angeles era stato bandito un concorso per “imitatori di Charlot”. Decise di parteciparvi, in forma anonima. Si classificò ventottesimo. La storia è naturalmente discussa e controversa, i dubbi che questo sia veramente accaduto sono molti. Ci si chiede: come è stato possibile che una giuria non abbia saputo distinguere Charlot, imitatore di se stesso, dai suoi pur bravi imitatori? L’aneddoto, vero o falso che sia, è in ogni caso stimolante tanto da rendere superfluo il dubbio sulla sua autenticità. Perché? Il fatto, se non vero è pur sempre verosimile.

E il verosimile è sempre superiore al vero. E’ una realtà, questa, in cui tutto assume l’aspetto della verità, e dunque ogni cosa potrebbe anche essere vera, o ritenuta tale e accettata per tale. La politica, l’economia, la cronaca ci appaiono sempre verosimili. Condanniamo qualcuno perché verosimilmente colpevole. Se non è lui l’assassino chi altri potrebbe essere. Il verosimile diventa verità, nell’uomo moderatamente scettico che non ha alcun interesse se non le cose che derivano dalle abitudini, che non pretende ne cerca altro; il verosimile certo e indubitabile. Costui tende a ripetere gli stessi atti, a rinnovare identiche esperienze, votato più al sospetto e alla diffidenza che alla conoscenza. Grazie quindi ai ricercatori e giornalisti di valore che ci raccontano un’altra politica, un’altra economia, un’altra storia del mondo, e ci spingono a riflettere e a cercare il vero, non il verosimile.

Leggi anche “Comici in cornice”

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.