Crea sito

Crisi economica e cultura

Share

Non esiste nessuna “crisi” da cui uscire, semplicemente perché non esiste una crisi. Esiste un cambiamento, deliberato e pianificato di un sistema economico. Fu una scelta adottata decenni or sono, di cui la “crisi” attuale è una conseguenza.

Ora, che la suddetta “crisi economica” abbia portato ad una progressiva diminuzione delle risorse disponibili ed imposto agli amministratori locali misure di rigore nella spesa, soprattutto alle voci Cultura e Turismo è una considerazione piuttosto ovvia. Da questa poi si afferma di sentire forte l’esigenza di riappropriarsi dei Beni Culturali, definiti da molti anche Beni Comuni. Ma come riappropriarsi? Attraverso la ricerca di un’offerta culturale sanamente popolare. Che cosa voglia dire “sanamente popolare” non è dato ad intendere. Ci aiuta forse in questo Gramsci quando dice: “capace di diffondersi fino agli strati più rozzi e incolti”. E’ pur vero che il linguaggio, non ha la stessa rilevanza del passato, né tanto meno la profondità e lo spessore del linguaggio filosofico e letterario che ci è pervenuto in eredità. Ma stranamente alcune parole, che pure sono significative e importanti,  si vestono (trasudano, odorano, hanno un sapore) di banalità e luogo comune. Una di queste è “valorizzare”.

“Vogliamo valorizzare la nostra storia e i nostri luoghi” – “affinché la città possa diventare un museo a cielo aperto, pronto ad essere visitato tutto l’anno, grazie ad una politica culturale che, partendo dal basso, metta in collegamento addetti ai lavori ed imprenditori, che attivi risorse private, e che coinvolga il pubblico, rendendolo co-protagonista dell’evento”. Chiaro no?

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.