Crea sito

Dall’industria cinematografica il 2% delle emissioni globali di CO2

Share

Un solo cinema multisala può arrivare a consumare fino a 2 milioni di kWh l’anno

La CO2 (anidride carbonica o biossido di carbonio) è un gas inerte, inodore ed incolore, naturalmente presente in atmosfera in concentrazioni limitate. Confessiamo che non avremmo mai immaginato una cosa del genere. Segnaliamo, quindi, la curiosa notizia.

L’industria cinematografica mondiale è responsabile del 2% delle emissioni globali di CO2. Sul fronte dei consumi energetici, un solo cinema multisala può arrivare a consumare fino a 2 milioni di kWh l’anno, pari ai consumi elettrici di 750 famiglie italiane. Un dato che, per l’Italia, va moltiplicato per i 516 multisala attualmente in esercizio, cui si aggiungono 650 cinema teatro e 2.396 sale cinematografiche. Eppure, con interventi sui sistemi di illuminazione si potrebbero ottenere risparmi fino al 60% sui consumi energetici, fino al 15% intervenendo su quelli di climatizzazione. È quanto emerso dal convegno #CinemaInClasseA, organizzato a Roma da Enea e Green Cross Italia.

“Abbiamo calcolato che i consumi di energia e le relative emissioni si potrebbero ridurre di circa il 20% se tutte le produzioni cinematografiche adottassero protocolli di sostenibilità per la realizzazione dei propri film”, spiega Antonio Disi dell’Enea, coordinatore della campagna nazionale per l’efficienza energetica Italia in classe A, promossa dal ministero dello Sviluppo Economico e realizzata dall’Enea. Attualmente nel settore delle produzioni cinematografiche sono in uso almeno tre diversi disciplinari: Ecomuvi, realizzato da Tempesta insieme a Icei; Edison Green Movie, sviluppato da Edison; Green Ciak, messo a punto da Cremonesi Consulenze.

“Per accrescere l’efficienza energetica e ridurre le emissioni di CO2 in tutta la filiera dell’industria cinematografica sarebbe auspicabile un unico protocollo di sostenibilità riconosciuto a livello nazionale da parte del Mibact e delle Film Commission regionali, che consentisse di misurare i consumi e valutarne gli impatti, per poi programmare interventi di qualificazione ambientale del processo di lavorazione dei film”, dichiara Marco Gisotti, direttore del premio Green Drop Award, assegnato da Green Cross Italia alla Mostra del Cinema di Venezia al film in concorso che meglio interpreta i temi della sostenibilità.

“Auspichiamo, inoltre, che l’adozione di tale protocollo possa prevedere anche premialità per le case di produzione in fase di assegnazioni dei finanziamenti pubblici”, sottolinea Gisotti.

Per rendere più efficiente e sostenibile il settore, però, per Disi dell’Enea “c’è bisogno di un’azione comune che coinvolga le istituzioni e le principali associazioni di categoria, le rappresentanze degli artisti e dei tecnici del cinema, nonché le Film Commission. Noi di Enea – conclude -insieme a Green Cross Italia, siamo disponibili ad accompagnare tale processo che può contribuire sicuramente al raggiungimento dell’obiettivo globale”.

adnkronos

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.