Crea sito

I due volti dello spettacolo

Share

Da una parte lo spettacolo come “attività culturale”, con dei contenuti da diffondere; dall’altra (non meno importante), lo spettacolo come processo economico ed occupazionale, con la necessità di sviluppare una credibile politica dello spettacolo. I due volti – cultura e mercatocome un pendolo oscillante tra grandi potenzialità e risposte incerte, in un delicato equilibrio tra domanda e offerta, tra evoluzione sociale e servizio culturale si pongono come obiettivo quello di conquistare un pubblico, familiarizzare con esso, educandolo al consumo con il fine ultimo di un arricchimento culturale personale e collettivo.

Alla ricerca di uno spettatore consapevole, in possesso di strumenti critici e di determinate competenze, attivo e partecipe della vita del teatro. L’ambiziosa, ma possibile idea di creare un forte legame tra lo spettatore e il “proprio” teatro, e quindi la creazione di un pubblico non occasionale, ma fedele e, in termini anche personali, affezionato a un luogo di cui è chiamato a vivere, in vario modo, le esperienze.

In particolare, nelle esperienze teatrali che con più efficacia perseguono oggi l’obiettivo della formazione dello spettatore sono riscontrabili i seguenti significativi elementi:

L’espressione “formare lo spettatore” (o il pubblico) è un’espressione più consona al mondo culturale, ma è molto simile a quello che in ambito commerciale si chiama “fidelizzare il cliente” .

l’attenzione costante per lo spettatore, messo al centro del teatro;

la ricerca di un pubblico non passivo, ma partecipe;

la creazione di strategie e modalità organizzative atte ad allargare e differenziare il pubblico, nonché a coinvolgerlo attivamente nella vita del teatro;

l’idea che questo allargamento e coinvolgimento del pubblico debba andare di pari passo con la qualità e la ricerca artistica;

la concezione del teatro non solo come centro di produzione e programmazione di spettacoli, ma come epicentro di una più ampia attività culturale;

l’idea del teatro come luogo di festa e di incontro (fra spettatori e spettatori, spettatori e organizzatori, spettatori e artisti);

la volontà di familiarizzare il teatro, di renderlo “casa” per gli spettatori.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.