Crea sito

Interesse pubblico

Share

Interesse pubblico. Cos’è esattamente? Nell’interesse è implicita l’esistenza di un “bene”, comunque qualcosa che si ritiene vantaggiosa e buona. L’esigenza, quindi, di avere (possedere) per soddisfare un bisogno umano e individuale. Il contenuto del suddetto “bene” può essere economico, ma non solo, anche morale, religioso, scientifico, sentimentale, umanitario. Quando e come un “interesse” si fa pubblico? Non so dire con precisione, ma presumo quando questo assume un carattere comune alla generalità degli individui appartenenti ad una comunità o gruppo sociale.

In realtà interessi comuni a tutti i membri (nessuno escluso) di una società sono piuttosto rari. Il “bene” acqua ha queste caratteristiche perché fondamentale alla vita. Chi si ricorda il referendum (peraltro disatteso) sull’acqua come bene comune? La schiacciante maggioranza fra quelli che andarono a votare (circa il 56%) dichiarò attraverso il voto che l’acqua tornasse ad essere un risorsa pubblica. Questo è uno degli eccezionali casi, ma un interesse pubblico corrisponde quasi sempre ad un insieme di interessi privati. Come attribuire, infatti, un significato sostanziale a un “interesse” definito pubblico, come se questa etichetta riconoscesse un valore esclusivo, un’importanza a prescindere, un giudizio dato come proprio, una qualità assegnata. Parlare di “interesse” in questo ambito non ha molto senso. Contrapporre interesse pubblico a interesse privato non ha una logica, se vogliamo ancora connettere le idee fra loro e argomentare in modo sano. Quello che possiamo dire è che un teatro è sovvenzionato e un altro no. Il primo ha molti più soldi del secondo. Cosi, brutalmente! Ma non vuol dire che il primo sia migliore del secondo. Ovvio!

“Pubblico” è questione puramente giuridica – formale e da questo punto di vista è interesse pubblico, tutto ciò che è qualificato tale da un apparato politico. Un apparato di uno Stato cronicamente collassato, uno Stato fallito. Non è interessante? Dunque, qualcuno ha mai visto un teatro non di interesse pubblico? Lo sono, de facto, tutti. Per tutti esiste quell’interesse, pur non avendo un riconoscimento legislativo della funzione pubblica di molti organismi privati. Che dire, poi, di quella cosa che chiamano “rilevante interesse culturale”. Evidentemente con un valore e una funzione diversa da tutto il resto, e bisognerebbe correre e non mancare a nessun appuntamento se è cosi considerevole e importante. Basta con questa fastidiosa ipocrisia di chi vede nell’istituzione dei teatri nazionali una risposta alla necessità di rifondare il teatro a cui è attaccato il cartellino “pubblico”, come una cassa, un recipiente, con l’indicazione della qualità, della quantità, del valore di ciò che vi è contenuto.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.