L’abitudine CREATIVA

Share

Abitudine. La ricerca del lavoro della nostra vita, il problema principale di fronte al quale tutti noi desideriamo fare qualcosa di significativo nel mondo. Ma che i sogni non si trasformino in inganno della mente, nell’ansia dell’attesa di un atto o di un fatto destinato a rimanere irrealizzato, nel concepire speranze vane, nel formarsi un’opinione inesatta. Potremmo volere la luna, eppure anche per questo è necessario tendersi e allungare la mano.

Noi siamo ciò che facciamo, ma è pur vero che quello che facciamo rispecchia esattamente ciò che siamo. La creatività non è un “tocco” ma abitudine e dunque impegno, compito, faccenda, occupazione. Quindi, se si vuole mordere e lasciare un ammaccatura nell’universo, (“We’re here to put a dent in the universe. Otherwise why else even be here?”) come ebbe a dire una volta Steve Jobs, si deve iniziare qui dove siamo ora e non dove vorremmo essere. E’ un primo passo.

Prima di poter suonare come Jimi Hendrix, impariamo scale e accordi. Prima di scrivere il prossimo Orgoglio e Pregiudizio, prendiamo carta e penna e cominciamo a scrivere una breve storia. Piccoli sforzi accumulati nel tempo per creare qualcosa di significativo. Un’altra opzione a questa? Non fare niente, sognare. Ma la nostra passione merita di meglio. Iniziare con qualcosa che si può fare oggi, anche se è solo per cinque minuti. E domani, farlo di nuovo forse per una decina di minuti. E ancora. Tutto, che tu voglia essere un santo attraverso la meditazione o diventare un meccanico che aggiusta auto, comporta pratica. Quindi, iniziamo a fare qualcosa. Prendiamo quella chitarra in mano, sediamoci davanti al computer o con una Bic da due euro un foglio di carta e cominciamo. Quanto più si lavora, più facile diventerà. Ecco i piccoli passi che portano alla grande impatto. Buon viaggio.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.