Crea sito

L’artista ai tempi del coronavirus

Share

L’artista ai tempi del coronavirus, cosa fa. Il coronavirus sembra non fermarsi, almeno fino ad oggi. Avanza implacabile in tutto il mondo, non si lascia vincere; tutti i Paesi rafforzano le misure di isolamento, blindano i propri confini. E gli artisti? Quando saranno finiti i pochi risparmi delle migliaia di lavoratori dello spettacolo, in particolare gli artisti precari, e ce ne sono molti non compresi nei provvedimenti ministeriali, che cosa faranno.
Nemmeno in questa situazione di grave urgenza, inimmaginabile fino a qualche settimana fa, sembrano accorgersi quanto fragile e incerta sia la condizione dell’artista. Per avere una miseria, chiedono requisiti e titoli anziché semplicemente dare come sarebbe giusto fare in questo momento drammatico.
Sono tanti, troppi, coloro che non sono mai stati tenuti in considerazione dalle leggi dello Stato, costretti ad arrangiarsi, a lavorare con miriadi di forme contrattuali o al nero, e che oggi non sanno dove sbattere la testa.

Leggi anche: Giovani Talenti

Stima e rispetto i signori della politica non ne hanno mai avuta per chi ha scelto questo mestiere.
Non si dica che è colpa loro per favore, perché altri paesi europei (si veda un vecchio articolo di seguito pubblicato dal “Fatto Quotidiano”) hanno adottato da decenni leggi che regolano l’attività delle figure artistiche, con strumenti che disegnano un welfare per i professionisti del settore. Le figure artistiche italiane sono i paria della società, emarginati e spregiati.
È una situazione indegna, che grida vendetta, in un paese che ha basato tutte le sue fortune sull’attrattività turistica generata da chi produce le più disparate forme di arte, e che continua a fregarsene altamente del lavoro che sta alla base dei concerti, spettacoli teatrali, di danza, delle performing arts, della creatività in genere. Basta!!!! Vergogna!!!!

Belgio, vita da artisti con welfare

“Choosy? No, dà senso alla mia vita”

di Mariangela Maturi | 30 Ottobre 2012

Sara Vilardo, attrice, ha 32 anni e da quattro vive a Bruxelles. “Rispetto all’Italia, qui riconoscono la professione senza lo stereotipo dell’individuo ‘tormentato’. In sostanza, puoi avere una vita privata normale”. In più la formazione è “accessibile e a prezzi abbordabili”
“Non mi interessa dire che le cose in Italia vadano male, preferisco invece raccontare come qui in Belgio vanno bene, semplicemente”. Sara Vilardo, attrice, ha 32 anni e da quattro vive a Bruxelles. La scelta di trasferirsi è stata naturale, quasi casuale: un progetto nel 2007 da un’opera di Pasolini per cui servivano attori italiani, un master in performing art, e una serie di buoni progetti a cui dedicarsi. “Sono arrivata qui senza essere qualcuno, una giovane attrice sconosciuta. Mi sono state aperte porte che in Italia restavano chiuse. Però cerco sempre di mantenere un contatto con il mio paese, di portare un po’ di quello che faccio in Italia, e portare l’Italia qui”.

La differenza sostanziale, racconta Sara, è nel riconoscimento della professione: “In Italia c’è ancora lo stereotipo dell’artista come persona tormentata. Qui può essere un padre o una madre di famiglia, con una vita privata normale. Si lavora molto, ma se devi finire le prove alle cinque perché tua figlia esce da scuola, alle cinque finisci. E’ considerato un lavoro a tutti gli effetti e pertanto ha regole e orari: non è come a volte si pensa, ossia che stiamo a letto tutto il giorno e quando ci viene l’ispirazione lavoriamo”. Il Belgio è riconosciuto come un piccolo “paradiso degli artisti”. Il welfare state non è un’utopia, e anche i professionisti del settore artistico godono di sussidi statali e finanziamenti che rendono dinamico l’ambiente, e più riconosciuta la professione. “Ora le cose sono un po’ cambiate – racconta Sara – prima la disoccupazione per il lavoro artistico era per tutti, ora solo per chi lavora sul palco: musicisti, ballerini, attori. Hanno visto che qualcuno ne approfittava, quindi le regole ora sono più selettive”. Fortunatamente per ora il lavoro non manca.

Dopo il master, Sara ha iniziato a lavorare oltre che come interprete anche come regista e creatrice di suoi progetti. Il primo spettacolo, Alfred(d)o, è un’opera per bambini creata con un’altra attrice fiamminga: “Pochi giorni fa ho ricevuto un’ottima notizia, un’agenzia ha comprato il nostro spettacolo e lo lancerà ancora. Già per il mese prossimo abbiamo tre date”. Oltre alle avventure di Alfred(d)o, Sara sta preparando un progetto sul corpo delle donne che andrà in scena a dicembre, e fa anche spettacoli di danza. “Un altro vantaggio della mia vita in Belgio è la formazione, davvero accessibile: per noi danza e workshop sono d’obbligo, un po’ come i convegni per i medici. Qui ci sono corsi di ogni tipo a prezzi abbordabili e a tutte le ore, così come i corsi di lingue. Appena arrivata pensavo di imparare giusto il francese, ora invece mi destreggio bene anche con il fiammingo. L’ambiente artistico è molto diviso, come tutto qui, fra parte fiamminga e parte francofona: la fiamminga fa cose più contemporanee, innovative, sperimentali, quindi mi sono trovata a frequentarlo di più”.

Il respiro internazionale di una città come Bruxelles, per quanto piccola, piace molto a Sara: “Quando si lavora tanto, nei periodi di prove, non ho neanche il tempo di fare la spesa. Però la vita sociale è ricca, i belgi parlano molte lingue e accolgono gli altri senza pregiudizi. Hanno i loro bei problemi interni fra fiamminghi e francofoni, però sono molto aperti. Non mi hanno mai fatto sentire straniera”. Lavorare all’estero è un valore aggiunto, e Sara lo sa bene. La scelta di stare in Belgio non è una fuga, né una costrizione. Che sia un po’ troppo “choosy”, con la sua decisione di restare lì? “Non so se tornerò, per ora non mi pongo il problema. Semplicemente questo lavoro, che pure a volte è un po’ alienante, è il mio modo di esprimermi. Mi sembra quasi dia un po’ il senso alla mia vita, non so se riuscirei a farne a meno. Anche se a volte è davvero un partner esigente”.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.