Lettera di un bullo

Share

Testimonianza raccolta dal nostro Paolo Monaco

Sì, sono un bullo, ho commesso "atti di bullismo", come voi dite, con quel linguaggio socializzante vomitevole. Ho 17 anni e ho picchiato. L'ho fatto con piacere, tanta era la rabbia, l'insofferenza e il fastidio che ho picchiato duro. Mi infastidiva quella faccia da idiota che mi sono trovato di fronte e ho picchiato. E allora? Mi dite che non devo? Ma guardate il pulpito dal quale predicate. Di voi, i grandi, ne ho piene le scatole delle vostre raccomandazioni. Voi che prendete una pezzo di montagna, ci fate un buco e la riempite di immondizia. Come lo chiamate questo? Non è un atto di bullismo? Magari ora starete pensando che io sia così imbecille da non vedere e capire le cose che mi stanno attorno. Pensate che i miei valori siano soltanto il vestito alla moda o le scarpettine firmate. Già...i valori. Quando vi sento pronunciare questa parola, spero sempre che ci sia qualcuno che tiri fuori una pistola per ricacciarvela in gola tanto ne abusate. E i vostri di valori? Quali sono. Non siete stati voi a costruire quel quartiere dove vivo, degradato, brutto, sporco mentre voi occupate le belle case del centro? Non vi dico dove abito, perché non ha importanza. Una città qualsiasi. Sono tutte uguali. E i disperati che arrivano da tutto il mondo vengono nel mio quartiere non nel vostro. Li caccereste a calci nel culo se solo provassero a venire dove voi siete. I vostri begli attici costano troppo. Non è un atto di bullismo questo? Ne ho piene le scatole dei vostri progettini. “Smontiamo il bullismo, impariamo a convivere”. Chi dovrebbe insegnarmi, voi? Impariamo a convivere dite. Si voi in un attico io in mezzo all'inferno.

Francesco

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.