Crea sito

L’Università oggi è morta:

Share

ad ucciderla è stata la cultura d’azienda

L’Università non deve dare un posto di lavoro, peraltro oggi flessibile e precario: ma deve formare esseri umani colti e capaci, consapevoli della propria storia e delle proprie prospettive. Come ci insegnano, sin dal 1867, le parole del filosofo John Stuart Mill.

di Diego Fusaro

Così ebbe a dire il filosofo John Stuart Mill nel 1867, nel suo discorso di Rettorato presso la St. Andrew University:

L’università non è stata concepita per offrire le conoscenze che consentano di accedere a un particolare modo di guadagnarsi da vivere. Il suo scopo non è quello di preparare e dotare di competenze degli avvocati o dei medici oppure degli ingegneri, ma è quello di formare degli esseri umani colti e capaci.

Pronunziato nel 1867 (l’anno in cui, per ironia della storia, veniva pubblicato “Il capitale” di Karl Marx), il discorso di Mill sembra, letto oggi, una impietosa tirata contro l’aziendalizzazione delle Università che si sta attuando in Italia e non solo in Italia. L’Università – ammonisce Mill – non deve dare un posto di lavoro, peraltro oggi flessibile e precario: deve, invece, formare esseri umani colti e capaci e, aggiungiamo noi, consapevoli della propria storia e delle proprie prospettive, delle proprie radici e dei propri progetti; cioè teste critiche e pensanti, non meramente calcolanti, e dunque in grado, eventualmente, di contestare l’ordine della falsificazione integrale dell’esistenza oggi divenuto dominante.

L’obiettivo dell’Università, seguendo Mill, sta nel favorire lo sviluppo di libere individualità pensanti: la sua utilità si risolve nel formare uomini che non servano a nulla e a nessuno, che siano cioè liberi nel senso più alto del termine. Il telos dell’Università – con le parole di Mill – sta nel promuovere la crescita di “esseri umani colti e capaci”: l’accento cade sulla “cultura”, sulla “capacità” di stare al mondo e, soprattutto, sugli “esseri umani”.

La scelta stessa della Facoltà in base alle possibilità lavorative offerte è – suggerisce Mill – ingannevole: l’Università non serve a questo. Intenderla così significa fraintenderla, riprecipitando nella reificazione dell’aziendalizzazione del reale e della coscienza. In fondo, chi si sarebbe mai “iscritto” all’Accademia di Platone o al Liceo di Aristotele in base alla concreta possibilità di “trovare lavoro” dopo?

http://www.fanpage.it/l-universita-oggi-e-morta-ad-ucciderla-e-stata-la-cultura-d-azienda/

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.