Medioevo prossimo venturo

Share

di Maria Teresa Falbo

Nessuno sembra accorgersene ma l’epoca che in cui viviamo è il Medioevo. Così la nostra vita scorre impotente sotto il controllo dei Signori feudali e dei Principi che elargiscono regalìe o elemosine, serbando per se stessi privilegi finalizzati al mantenimento di uno status dal quale sono necessariamente esclusi i servi della gleba. Mentre vassalli, valvassini e valvassori corrono affaccendati nei loro affari di Palazzo, impegnati ad escogitare sistemi di pensiero unico, inventare nuovi inganni per tenere a bada gli ultimi gradini della piramide feudale. Così, il vassallo minore riceve protezione dal vassallo nella gestione dei “territori” e degli incarichi amministrativi, giurando, ovviamente, fedeltà ed obbedienza (fatti salvi eventuali ribaltoni). Si riscuotono tasse, tributi e si elargiscono prebende tra la folla di schiavi ingannati ma uniti sotto bandiere di partito, soprattutto in occasioni elettorali dove, essendo già stabilito che i Principi Regnanti saranno gli stessi, si allestiscono tribune ove recitare la Commedia della Democrazia e arringare di demagogiche cause gli ultimi gradini sociali: artigiani, classe in estinzione, i piccoli proprietari, classe che ha sviluppato giustamente incisivi per mordere chiunque si azzardi a portargli via il poco; i servi della gleba, premiati con social card, termine moderno per indicare l’elemosina, evidentemente è più chic. Infine gli schiavi, coloro che, pur rimproverando ai Principi di avocare a sé ogni privilegio (basta dare uno sguardo al business della politica)  si scannano ancora su “destra” e “sinistra”, per la gioia e la tranquilla malvagità dei briganti che si divertono alle spalle di tutti. Oh, il popolo! Dov’è? C’è sempre stato, ma l’epoca della Modernità deve ancora arrivare. Intanto si disserta sulla Democrazia e si imbastiscono letterature sugli ideali dell’uomo. Mentre i privilegiati fanno affari.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.