Crea sito

Ministero dei Beni Culturali cerca 1000 volontari

Share

pagati 433 euro il mese

Il Ministero dei Beni Culturali e il Servizio Civile Nazionale si sono messi insieme e hanno fatto un accordo. Proprio così, un accordo, cioè “un incontro di volontà per cui due o più soggetti convengono di seguire un determinato comportamento nel reciproco interesse, per raggiungere un fine comune o per compiere insieme un’azione.” Cercano 1000 (dicasi mille) volontari da impiegare in 215 spazi tra musei, biblioteche, archivi e sedi ministeriali.

Sul sito istituzionale del Servizio Civile Nazionale sono stati pubblicati tre bandi (già, servono dei bandi per porcatete del genere) per la selezione di oltre 1.200 volontari (sono 1000 o 1200?) Due su tre saranno impiegati in 215 strutture tra musei, biblioteche, archivi e sedi ministeriali del Ministero dei Beni Culturali, secondo l’accordo firmato nel novembre 2014 tra lo stesso Ministero, il Dipartimento della Gioventù e SCN. Ah… ecco abbiamo capito. Un gruppo di 1050 volontari andrà in progetti di servizio civile nazionale in Italia, è il più corposo perché prevede l’inserimento di 1.000 risorse in 116 progetti autofinanziati dal Ministero dei Beni Culturali. Mentre nel Bando per la selezione di 110 volontari da impiegare in progetti di Servizio civile nazionale, nell’ambito del programma Garanzia Giovani, le risorse impiegate in 13 progetti, finalizzati alla tutela, fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale di musei, archivi e biblioteche, da realizzarsi in uno degli ambiti territoriali individuati dal Mibact saranno 71. Non siamo tanto sicuri di questi numeri.

L’attività coprirà un periodo di dodici mesi, e ai volontari selezionati verrà corrisposto un assegno mensile di 433,80 euro (quegli 80 centesimi mi sembrano di troppo, possiamo arrotondare a 433,00, è più facile) e la collocazione dei posti disponibili avverrà nelle varie sedi sparse su tutto il territorio nazionale secondo il fabbisogno di ciascuna sede. I requisiti. Età non superiore ai ventotto anni, non aver già prestato attività di servizio civile (sempre che questo non sia stato svolto nell’ambito del progetto Garanzia Giovani) e non avere rapporti di lavoro o collaborazioni di qualunque natura con l’ente che realizza il progetto. I candidati, infatti, dovranno scegliere al momento della presentazione della domanda le sedi e i progetti di interesse a cui inviare la propria candidatura e potranno presentare una sola domanda per un unico progetto; sarà tuttavia possibile presentare domanda parallela per progetti del programma Garanzia Giovani. Le domande dovranno essere presentate entro la scadenza delle ore 14 del 10 febbraio 2017 mediante l’apposito modulo online.

Quattrocentotrentatre. Non siamo felici?

https://www.mibact-online.beniculturali.it/web/servizio-civile

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.