Crea sito

Neil Simon, Master of Comedy di Broadway

Share

È morto a 91 anni uno degli scrittori di maggior successo di Broadway

Neil Simon, il cui nome era sinonimo di commedia di successo Broadway, un successo non solo artistico ma anche commerciale per decenni, e che ha contribuito a ridefinire il popolare umorismo americano sugli attriti della vita urbana e sui conflitti angosciosi dell’intimità familiare, è morto domenica a Manhattan . Aveva 91 anni.

La sua morte, al NewYork-Presbyterian Hospital, è stata annunciata dal suo addetto stampa, Bill Evans. Complicanze della polmonite, ha detto.

Neil Simon ha scritto per la televisione e per il cinema, ma come drammaturgo si guadagnò la sua fama duratura con una lunga serie di macchine per la risata straordinarie, sapientemente lavorate che mantennero il suo nome sui padiglioni di Broadway praticamente ininterrottamente tra la fine degli anni ’60 e ’70.

A partire dai successi “Barefoot in the Park” (1963) e “The Odd Couple” (1965) e proseguendo con successi popolari come “Plaza Suite” (1968), ” The Prisoner of Second Avenue ” (1971) e “The Sunshine Boys “(1974), Neil Simon ha governato Broadway quando Broadway valeva ancora la pena.

Dal 1965 al 1980, i suoi spettacoli teatrali e musicali hanno collezionato più di 9.000 repliche, un disco che non è nemmeno lontanamente toccato a nessun altro drammaturgo dell’epoca. Solo nel 1966, c’erano quattro spettacoli di Broadway in esecuzione contemporaneamente.

Possedeva anche un teatro a Broadway negli anni ’60, l’Eugene O’Neill, e nel 1983 aveva un altro teatro di Broadway porta il suo nome, un raro riconoscimento per un commediografo vivente.

I grandi successi nei primi anni della sua carriera, non ottennero ampi consensi da parte della critica come avrebbe meritato, e le riprese di Broadway di “The Odd Couple” nel 2005 e “Barefoot in the Park” nel 2006 hanno fatto ben poco per cambiare l’opinione generale che i suoi primi lavori furono notabili per le sue convinzioni infallibili e le sue battute energiche. Nell’introduzione a una delle sue raccolte di opere, Neil Simon citò il critico Clive Barnes che una volta scrisse: “Neil Simon è destinato a rimanere ricco, di successo e sottovalutato”.

Acquisì un più saldo rispetto critico negli anni ’80 con la sua trilogia semi-autobiografica più dark, “Brighton Beach Memoirs” (1983), “Biloxi Blues” (1985) una commedia rappresentata con Matthew Broderick e Alan Ruck e “Broadway Bound” (1986). Questi “drammi comici” erano ammirati per il modo in cui esploravano il groviglio di amore, rabbia e disperazione che legava – e separava – una famiglia ebrea della classe operaia, vista dal punto di vista del figlio più giovane, un irrequieto seccatore con un occhio sulla fama del mondo dello spettacolo.

“Finalmente lo scrittore comincia ad esaminare se stesso onestamente, senza compromessi”, scriveva Frank Rich di “Biloxi Blues” sul New York Times.

Nel 1991, Neil Simon vinse un Tony Award per il miglior spettacolo e il Pulitzer Prize per la drammaturgia, per “Lost in Yonkers”, un’altra commedia autobiografica, questa su una madre ferocemente trattenuta, i due nipoti affidati a lei dal figlio Eddie e l’altra sua figlia emotivamente e intellettualmente sottosviluppata. Fu anche il suo ultimo grande successo a Broadway.

Neil Simon e Woody Allen, entrambi hanno lavorato negli anni ’50 scrivendo per Caesar (insieme a Mel Brooks, Larry Gelbart e Carl Reiner, tra gli altri), erano probabilmente altrettanto importanti nel plasmare le correnti della commedia americana negli anni ’60 e ’70, anche se i loro stili, i loro mezzi preferiti e la ricezione critica del loro lavoro divergevano potentemente.

Simon era il populista i cui drammi accessibili e scherzosi sulle ansie dei personaggi di ogni giorno potevano solleticare le ossa divertenti nei teatri di tutto il paese e nelle case di Broadway da 1200 posti. Allen era il tesoro del cinema e delle classi critiche che creavano commedie dalle minuzie della sua stessa angoscia.

Ma insieme hanno contribuito a rendere la commedia della nevrosi urbana – come americana come l’umorismo casalingo di “Leave It to Beaver”. Le prime commedie di Simon, spesso centrate su una coppia antagonista di un tipo con un’altro ha contribuito a impostare il modello per l’esplosione di sitcom sulla televisione negli anni ’70. Lo spettacolo televisivo di lunga data basato sulla sua “strana coppia” era uno dei migliori.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.