Crea sito

Pensare il cambiamento

Share

Il cambiamento, già. Le parti hanno apportato una variazione al contratto. Facile, no?

C’è sempre qualcosa da cambiare, ma dovrei rivedere la mia piattaforma a fondamento ideologico del mio vivere, lottare l’invincibile noia e il senso di disgusto che nasce dal ripetersi di cose uguali o uniformi. Preparare un nuovo discorso, scrivere una inedita pagina della mia storia, affiggere un manifesto in cui esporre intenzioni, fini, illustrare principi, ragioni, i limiti dell’opera perché altro non sono. Chi è disposto a capovolgere la sua visione, sovvertire convinzioni e opinioni, combattere pregiudizi e credenze millenarie, sovvertire i paradigmi mentali della vecchia e stanca umanità e guarirla per sempre dalla conflittualità, liberarla dal dolore.

Ce ne sono tanti disponibili a farlo più di quanto si possa immaginare: grazie mondo, per questo! Io, da parte mia, posso muovermi verso luoghi dove si creano idee, si foggiano menti, ingegni: creare, letteralmente, un ambiente di sognatori, uomini visionari, utopisti luminosi, uno spazio in cui affinare il proprio intento. Un area dove gli eroi, campioni di un’umanità sognante, sono individui capaci di dare concretezza all’impossibile, abili nell’ignorare una moltitudine indeterminata di esseri senza volontà, senza sogni, senza volto destinati a una esistenza insignificante, governati dal caso e dall’accidentalità o dalla legge a cui hanno affidato la loro medesima esistenza.

Dimentichi di essere gli artefici, gli inventori di una realtà e non l’ombra della loro stessa creazione. In ogni caso dettami, norme, precetti, prescrizioni, regole con ostinazione esibite affinché nessuno sfugga alla rigidità della vita ordinaria. Cambiare il destino è un lungo e faticoso lavoro. E’ un vero e proprio salto quantico dalla moltitudine confusa di suoni e di voci in integrità, da conflittualità in armonia, dalla schiavitù alla libertà. Quando sei irrimediabilmente deluso dalla tua vita, quando realizzi la tua incompletezza, la tua impotenza, quando l’esistenza ti stringe in una morsa senza respiro, solo allora… auspichi l’evento più straordinario, la grande opportunità da cogliere per sfuggire alla ipnosi comune – per realizzare, infine, che tutto quello che vedi e ti circonda non è il mondo ma solo una sua descrizione.

Ma esisterà bene una realtà oggettiva. In fondo una cosa non può essere nient’altro che quella che è… forse. Ma se io fossi un ladro, e avessi la possibilità di incontrare un santo, ne vedrei soltanto le tasche. Nel caso fossero piene di monete sonanti, valuterei il modo di come poterle alleggerire.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.