Crea sito

Sara Khan

Share

Le donne, la vera chiave contro l’islam violento

Commento di Claudio Cerasa
Testata: Il Foglio
Data: 26 marzo 2016
Pagina: 1

Sara Khan per scoprire le ipocrisie dell’islamicamente corretto

Sara Khan è una giovane musulmana cresciuta in Gran Bretagna che qualche tempo fa ha fondato un piccolo e geniale movimento di nome “Inspire” che pur non avendo avuto grande successo ha contribuito a portare avanti una idea giusta: non si può combattere il fondamentalismo di matrice islamista senza che siano per prime le donne musulmane ad alzare il velo sulle ipocrisie dell’islamicamente corretto e sulla condizione drammatica in cui spesso si ritrovano a vivere le donne di fede musulmana. II tentativo di Sara Khan di creare nella comunità islamica un’internazionale del femminismo – capace di ammettere che il fondamentalismo islamista non può essere combattuto senza considerare con onestà la cornice della religione che ispira quella forma di integralismo – è una testimonianza importante: rappresenta uno sforzo sincero di costruire dall’interno della comunità islamica gli anticorpi al jihad riconoscendo che esiste un problema con la parola “violenza” all’interno di una certa interpretazione del Corano. Una violenza che come sappiamo colpisce l’occidente attraverso guerre, terrore e attentati e che ha un suo riflesso in una violenza parallela che è quella che colpisce ogni giorno milioni di donne la cui vita è segnata da una rigida interpretazione da parte degli uomini di un versetto del Corano (2223): “Le vostre donne sono come un campo per voi, venite dunque al vostro campo a vostro piacere”. Il poeta siriano Adonis, a ragione, sostiene che la questione femminile è la cartina di tornasole del rapporto tra islam e modernità e vede nell’incapacità dell’islam di combattere dal suo interno la violenza perpetrata alla donna la stessa incapacità che ha una parte consistente dell’islam di condannare con onestà il fondamentalismo di matrice islamista. Sara Khan, raccogliendo il recente invito del ministro dell’Interno inglese Theresa May (“British Muslim women must challenge extremism and fight the Islamic State”), ha capito che non ci potrà essere quella rivoluzione luterana nell’islam tanto invocata dalla nostra adorata Ayaan Hirsi Ali se le donne dell’islam non condanneranno all’unanimità la condizione di schiavitù in cui, tra lapidazioni, infibulazioni, stupii, mutazioni genitali, matrimoni infantili, torture e giganteschi apartheid di genere, spesso vive una donna musulmana E dire che laddove aumentano i veli e aumentano i burqa e aumentano i casi di sottomissione della donna c’è una buona probabilità che aumenti anche il radicalismo violento rischia ormai di essere quasi una tautologia. “Io – scrive Adonis nel suo libro capolavoro “Islam e violenza”, dove invita le donne a emanciparsi più come individui che come comunità – misuro il livello di avanzamento di una società dal trattamento che riserva alla questione femminile e sotto questa prospettiva oggi la società arabomusulmana è fuori dalla Storia. Qui il femminile è messo al bando. Rimangono l’amore del possesso e un piacere con le fanciulle (houri) alimentato dai versetti coranici. Di fatto, non sono donne, ma creature che incarnano soltanto la sessualità. La donna in terra esiste. Ma l’islam alimenta un immaginario fuori del comune facendo appello a qualcosa di ancor più straordinario: la houri. La nozione di paradiso è fondata su questo piacere senza limiti e completamente diverso. II cielo, come la terra, è fondato sulla sessualità”. Il lettore potrà chiedersi che cosa c’entri la condizione della donna nell’islam con il terrorismo, il Belgio, lisis, Ragga, la Libia, la guerra al terrore. C’entra eccome perché la violenza praticata sul corpo di una donna e la violenza praticata sul corpo di un miscredente fanno parte dell’interpretazione di una stessa religione. Il nemico non è il terrorismo ma l’idea di cui il terrorismo è il prodotto. Non si chiama follia, si chiama sharia. Forza Inspire, forza Sara Khan

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.