Sferisterio, una settimana dedicata a Medea

Share

Anche questo. Medea e Giasone come profughi, in attesa forse, di un primo permesso di soggiorno. Niente paura, basta una semplice domanda se si vuole chiedere protezione. Da cosa fuggono Medea e Giasone? Indicare sul modulo se da persecuzioni, torture o dalla guerra; se entrati in modo irregolare e privi di documenti, non ha alcuna rilevanza giuridica. I richiedenti, i suddetti Medea e Giasone appunto, dovranno motivare nella domanda le circostanze di persecuzione o danno grave che ne hanno motivato la fuga. Indicare, cioè, gli agenti di tale persecuzione o danno grave, i quali come noto, possono essere nell’ordine: “lo Stato, partiti o organizzazioni che controllano lo Stato o una parte del suo territorio o soggetti non statuali qualora lo Stato, o chi lo controlla, non vogliano fornire protezione alla vittima di persecuzione o danno grave”.

“Sviscerare” (qui usato come sinonimo di indagare, investigare) è la parola attraverso la quale tutto si pretende, tutto si chiede, tutto si vuole. Conosci cosi bene la travolgente e feroce passione di una donna come Medea, tanto da “coglierne i tormenti”? Come un bulldozer scavi per realizzare una strada parallela a quella che la sventurata donna ha costruito per se stessa. Una strada il cui intento è quello di congiungere la tua modesta o lussuosa casa alla strada della comune coscienza sociale. Ma le storie degli uomini raccontate da grandi autori come Euripide sono, fortunatamente, molto più affascinanti dei tuoi modesti pensieri. E’ irresistibile e seducente anche la meschinità e l’egoismo dell’ uomo, lo stesso che ha guidato i 50 Argonauti nell’avventuroso viaggio alla conquista del Vello d’oro, fra i quali si trovano i lottatori spartani, i Dioscuri Castore e Polluce e Laerte futuro padre di Ulisse. Senza l’aiuto di Medea, la sua fedele compagna di vita, non sarebbe riuscito nell’impresa, non avrebbe mai superato le difficili prove. Ed è proprio la sua conoscenza nell’arte barbara della magia che gli arroganti Corinzi, mal sopportano. La donna è a tal punto oltraggiata che non riesce a contenere la disperazione e il dolore furibondo del tradimento. “Io sola sono, senza patria, e oltraggio mio marito mi fa, che me rapiva da una barbara terra; e non ho madre, non fratello o parente, a cui rivolgere”. Coinvolgente il suo infinito senso di solitudine, eppure cosi forte e potente è la disperazione che la trova pronta a distruggere tutto quello che rappresenta il suo passato, non disposta a piegarsi davanti a nessuno. E’ difficile raccontare cosi semplicemente, le storie di uomini infelici e donne che dello sposo “separarsene non reca onore alle consorti, né repudïar si può”. In ogni caso, potremmo limitarci a questo.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.