Crea sito

Vendiamo cultura, non abiti

Share

(ma non sappiamo raccontarlo)

La filiera, fatta di imprese e laboratori che hanno sviluppato saperi e competenze, ha permesso il fiorire del Made in Italy. Ora il mercato è cambiato: l’oggetto, per avere valore, deve far vivere un’esperienza. E i francesi lo hanno capito per primi

di Daniela Monti

Vendiamo cultura, non abiti. Un titolo che ci ricorda qualcosa, scritto parecchio tempo fa. 

«Produciamo cultura ed è questo che rende straordinari prodotti altrimenti ordinari», dice Marco Bettiol, ricercatore di Economia e Gestione delle Imprese all’Università di Padova, docente di Internet Marketing e autore di «Raccontare il Made in Italy» (Marsilio). La moda italiana vende cultura, prima che pezzi di stoffa o di cuoio.

Quello che si scriveva era esattamente questo. "Un tempo l’esistenza dell’impresa si giustificava nella sua capacità di fare profitti; oggi invece si giustifica nel produrre valori. Un’affermazione questa, a prima vista sconcertante, ma che diventa semplice con un esempio. Nell’ultimo paio di scarpe che abbiamo comprato, noi abbiamo pagato al 75% o la loro estetica (il fatto che fossero di moda per esempio), o che ci piacessero; e solo al 25% la loro funzione di coprirci i piedi. In altre parole quindi, non si producono più semplicemente oggetti; bensì piaceri, sensazioni, emozioni. E’ questa appunto l’economia immateriale il cui valore aggiunto è determinato da fattori estetici e creativi. Ma come si produce questo valore aggiunto?

E' qui. http://ilblogdelvenditore.altervista.org/cultura-impresa/

L'articolo sopra citato, da leggere senz'altro è a questo indirizzo.

http://www.corriere.it/bello-italia/notizie/vendiamo-cultura-non-abiti-industria-fashion-bello-italia-6fa073c6-6301-11e6-9c04-fc260bea0f0e.shtml 

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.