Crea sito

Cultura in bolletta

Share

Chi paga? La domanda non è mai banale e in questo caso la risposta è disarmante: nessuno. Il problema è che stiamo parlando dello Stato, o meglio di come lo Stato sta trattando cinquecento giovani scelti nel 2013 come punte di diamante di una generazione da rivalutare, risarcire, rilanciare dopo averla sotterrata sotto il peso della crisi e della critica (ricordate gli schizzinosi di forneriana memoria?).

Ebbene, nel 2013 Enrico Letta aveva annunciato la svolta epocale: 500 giovani laureati sarebbero stati selezionati per uno stage con lo scopo, si leggeva nel bando, di «inventariare e digitalizzare il patrimonio culturale italiano presso gli istituti e i luoghi di cultura statali». Titolo: 500 giovani per la cultura. Stipendio mensile: 430 euro netti nel periodo di formazione. Critiche diffuse: troppo pochi, tanto che fu coniato l’hashtag  #500schiavi. Conseguenze del progetto: da due mesi non ricevono neppure quelli.

La faccenda è imbarazzante perché si tratta di giovani di belle speranze e di uno Stato terribilmente pasticcione. Gli stipendi di gennaio e febbraio non sono stati erogati perché non si sa chi debba farlo, la legge non lo spiega: paga il ministero dell’Economia o quello della Cultura? Nel rimpallo tra uffici che immaginiamo in mano a funzionari con le pianelle ai piedi, la soluzione non si vede.

Negli ultimi giorni il colpo di scena. Il ministero della Cultura ha deciso che a liquidare il dovuto saranno i «Segretariati regionali e gli istituti dotati di autonomia». Problema risolto? Neanche per sogno. Questi ultimi hanno già fatto sapere che non hanno fondi e neppure le specifiche dei conteggi. Così è molto probabile che i ragazzi non verranno pagati neanche a marzo. L’unica cultura che si può affinare al termine di queste storie è quella della fuga.

http://www.ecodibergamo.it/stories/LUrlo/cultura-in-bolletta_1169434_11/

Ma cosa vuoi commentare…..

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.