Crea sito

Bankers of the Show

Share

Eccoli, stanno tornando. Sono loro non c’è dubbio. I Bankers stanno tornando. I veri, unici, Bankers of the Show. Li conosciamo. Assetati di danaro e di successo, eccoli sui red carpet dei vari, innumerevoli e spesso inutili festival del cinema. Chiedono soldi, soldi. Dateci soldi, noi siamo la cultura, e voi miserabili ometti stupidi, rozzi e ignoranti non oserete nulla. C’è sempre da qualche parte una protesta ed è sempre pacifica e festosa.

Tutti si dichiarano solidali, tutti obbligatoriamente legati dal grande vincolo della solidarietà. Nel grande mondo dello spettacolo non si può non concordare con altri nel modo di pensare, di sentire o di agire, ed essere sempre pronti a condividere responsabilità e impegni. La gente di cultura è così. Non sono i lussuosi Hotel e i raffinati salotti, ma questa intima convinzione che la cultura appartiene a loro e non ad altri. Certo, c’è sempre bisogno di denaro, come si potrebbe fare altrimenti. Produrre le “nostre convinzioni e le nostre idee” ha bisogno di denaro.

Non siamo minatori e contadini, anche se ci trovano sempre dalla loro parte. Siamo con loro, ma c’è una festa che ci aspetta, un ricevimento a cui non possiamo mancare. Viva i minatori ma abbiamo bisogno di danaro, possibile che non riusciamo a capire una cosa così semplice.

Un momento… che idea straordinaria!…possiamo fare un museo della miniera e spiegare al popolo l’importanza dell’industria estrattiva nell’economia del paese… e poi far vedere gli strumenti di lavoro nei campi, nei pascoli… e tante, tante immagini di uomini e donne che li usano nelle varie fasi dell’annata agricola.

Abbiamo tanti amici fotografi che possono farlo… soldi per favore… siamo gente di cultura.

Siamo fortunati, nonostante tutto. 

Andiamo figli della cultura, il giorno della gloria sta per arrivare, il tiranno sta per cadere… marciamo verso un futuro glorioso.

Amo quel tappeto rosso è… così… così come? Attraente! D’accordo, prendilo pure.

E ricordiamoci che “nei titoli di coda c’è gente che lavora”. Davvero? Molti lavorano e non hanno nemmeno qualcuno che li saluti al mattino. E adesso che ci siamo su questo tappeto vogliamo comunicare a voi che siete il nostro pubblico, le nostre richieste, perché il nostro cinema riguarda anche voi”. Chiaro?

Diamo prova di consapevolezza democratica. Noi vogliamo parlare al pubblico e rispettiamo il diritto dei registi di mostrare i loro film. Consapevolezza democratica.

Share

globetheatre

Interessato al mondo della comunicazione e formazione in generale, (e in particolare al più importante mezzo di comunicazione di massa, come quello televisivo) nelle sue mille sfaccettature, in considerazione dell’importanza crescente che i processi di comunicazione acquisiscono nell'ambito della società moderna determinando così profondi cambiamenti nei modelli di comportamento e nelle relazioni sociali. Sono altresì interessato al processo di formazione dell'arte in una società tecnologicamente avanzata come la nostra, in cui la realtà virtuale è sempre più pressante e invadente. L’attività si sviluppa attraverso un’associazione che opera in continuità con la propria vocazione no profit e che incarna la vocazione alla partecipazione e alla ricerca presupposti irrinunciabili ai fini di una coerente ed efficace azione progettuale e una società dedicata alle componenti progettuali e gestionali dell’azione in campo culturale, e che consente una risposta più efficace e pertinente alla crescente domanda di un approccio imprenditoriale e di una visione aziendale nella gestione dei mercati culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente Sito, pur contenendo articoli non è in alcun modo da considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono nella maggior parte dei casi, tratte da internet; di conseguenza, chiunque dovesse ravvisare, in questo, la violazione di un qualche diritto d’autore, lo preghiamo di comunicarcelo e sarà immediatamente rimossa. Eventuali commenti dei lettori, infine, ritenuti da noi, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non saranno pubblicati soprattutto se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. In ogni caso la responsabilità del commento non è da attribuirsi all’autore di questo blog, A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di ogni eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.